INFO NEGOZIO

Indirizzo: Via Contrada Mondovì 5

12100 CUNEO

email: icanape.cuneo@gmail.com

cell: +39 3289776406

Partita Iva: 03778730048

Capitale sociale € 2000

Codice REA: CN-316100

ORARI NEGOZIO

Domenica  Chiuso

Lunedì  15:30–19:30

Martedì  09:30–12:30, 15:30–19:30

Mercoledì  09:30–12:30, 15:30–19:30

Giovedì  09:30–12:30

Venerdì  09:30–12:30, 15:30–19:30

Sabato  09:30–12:30, 15:30–19:30

HELP
  • Facebook Icona sociale
  • Instagram Icona sociale
  • Twitter Icon sociale

© 2023 by Prickles & Co. Proudly created with Wix.com

Canapa alimentare: benessere in tavola, anche per i celiaci

La canapa alimentare, un cereale poco usato nella nostra tradizione alimentare, ha delle proprietà nutritive molto importanti e può essere utilizzata in sostituzione del frumento nei regimi alimentari per celiaci.

Le proprietà nutritive della canapa la rendono un alimento molto nutriente, ricco di proteine vegetali e di aminoacidi essenziali, adatto a chiunque voglia seguire una dieta sana.

Cresce sempre più il numero di persone che si avvicina ad un tipo di alimentazione più sana. Introducendo nella dieta varietà di cereali fino ad ora sconosciuti, soprattutto nella nostra cultura mediterranea dove il frumento fa la parte del re, si possono prevenire piccoli disturbi di salute. Cereali come la segale o l’avena, “cugini” del frumento, sono usati nell’alimentazione quotidiana nelle culture anglosassoni e hanno proprietà nutrizionali che ne fanno dei portatori di salute: quinoa, amaranto e avena, ricchi di lisina (aminoacido essenziale, generalmente scarso nei cereali), il nutriente grano saraceno, la protettiva segale; l’equilibrante orzo; il delicato mais; il sorprendente riso; l’alcalinizzante miglio; il versatile farro.

Quello che viene chiamato seme è in realtà il frutto della pianta. Giunti a maturazione in tarda estate, sviluppano un guscio duro e sottile di colore grigio o marroncino. I semi hanno l’aspetto di piccoli granelli color giallo-paglia e si presentano al palato con una consistenza morbida e dal gradevole sapore di mandorla. Vengono utilizzati ‘decorticati’ ovvero privati del tegumento, poiché rispetto a quelli interi contengono più acidi grassi e proteine ed è attualmente il prodotto più semplice da trasformare e commercializzare. Fra tutte le lavorazioni alimentari, la farina è quella che consente un utilizzo del seme più familiare e creativo. Essa si presenta, morbida, di colore bruno ambrato, leggermente impalpabile e apporta alle preparazioni un patrimonio di preziosi nutrienti, conferendo un leggero gusto di nocciola e un bel colorito bruno agli impasti ove è aggiunta. Ha, inoltre, un apporto calorico inferiore rispetto a quello della farina di frumento, in quanto l’energia è fornita prevalentemente dalle proteine anziché dall’amido.

La canapa nella dieta per celiaci

Ma ciò che rende particolarmente interessante la farina di canapa è l’assenza di glutine. Con il termine glutine si intende attualmente una particolare classe di proteine, dette prolamine, presenti nel frumento (gliadine), nell’orzo (ordeine), nella segale (secaline). La condizione in cui si sviluppa un’intolleranza permanente al glutine si definisce celiachia. Essa si sviluppa in soggetti geneticamente predisposti dopo l’introduzione, con l’alimentazione, di glutine, la cui assunzione determina una flogosi cronica con lesioni non specifiche dei villi intestinali che si localizzano a livello dell’intestino.

Le lesioni istologiche sono responsabili del malassorbimento di molti nutrienti nei segmenti intestinali interessati alla malattia. È frequente l’associazione della malattia celiaca con altre patologie autoimmuni (diabete mellito, tiroiditi, artrite reumatoide, ecc.). La mucosa intestinale, ampiamente danneggiata, provoca nel paziente spasmi muscolari dolorosi, terribili attacchi di diarrea e infiammazione.

La terapia dietetica della malattia celiaca si basa sulla totale e perenne eliminazione dalla dieta di tutti i cereali e di tutti gli alimenti che contengono il glutine; pertanto risulta evidente che l’introduzione della coltivazione della canapa può contribuire in modo consistente all’alimentazione dei celiaci.

Uno studio, pubblicato a gennaio 2013 nella rivista scientifica PLOS ONE, ha approfondito il ruolo della cannabis rispetto ai sintomi della celiachia. La ricerca è stata condotta dall’Università di Teramo e ha coinvolto alcuni pazienti celiaci sottoposti a biopsia intestinale per verificare i sintomi infiammatori della celiachia dopo avere ingerito glutine. Lo studio si basa sulla caratterizzazione dei recettori CB1 e CB2 di alcuni lipidi bioattivi presenti nel nostro organismo, gli endocannabinoidi, tra cui l’anandamide (AEA) è il principale rappresentante, al fine di valutarne l’espressione in pazienti affetti da malattia celiaca.

Il sistema di endocannabinoidi, presenti in vari organi periferici, opera nel tratto intestinale, riducendone la motilità. Ne consegue una regolazione degli spasmi muscolari e quindi della diarrea, che porta così ad un maggior assorbimento dei nutrienti e quindi ad una attenuazione dei sintomi della patologia. La presenza degli endocannabinoidi è stata riscontrata anche nel tratto intestinale dei pazienti celiaci. Alcune di queste persone, che avevano fatto anche uso di cannabis, presentavano un quadro clinico migliore  rispetto ai celiaci che avevano semplicemente seguito una dieta priva di glutine.

I risultati hanno dimostrato che la presenza di cannabis nel corpo è un metodo naturale potenzialmente in grado di attenuare i sintomi della celiachia in maniera molto più efficace rispetto ai celiaci che da 12 mesi seguivano una dieta completamente priva di glutine. Gli studiosi, tra cui la dott.ssa Natalia Battista, coautrice della ricerca “Alterata espressione dei recettori dei cannabinoidi di tipo I e di tipo II nella celiachia”, ritengono, comunque, che non sia ancora il caso di esprimersi in maniera certa, poiché ancora non esistono dati derivanti dalla comunità scientifica.

Scritto da: Dr.ssa Bonaventura Donatantonio

   Specialista in Biologa Nutrizionista e Nutrizione e Scienze dell’alimentazione

1 visualizzazione
0